Periscope a parte, cliccare l’Icona dell’uccellino azzurro cinguettante è uno dei momenti serotoninici della mia giornata. No, nessuna ironia, vivo giornate piene ed intense e, premetto, ho un rapporto simbiotico ma non drogato con la tecnologia.

READ IN ENGLISH 

twitter, il famoso uccellino
il famoso uccellino azzurro di Twitter

Il fatto è che il social dei 140 caratteri, contrariamente a quasi tutti gli altri, non mi fa perdere tempo. E non è tutto. Mi mette a disposizione le news italiane e internazionali che ho scelto di voler sapere praticamente in tempo reale. 

Twitter è la stanzetta virtuale dedicata ad alimentare i miei interesse, animo e cervello. É il mio sguardo personale su quello che accade nel mondo, attraverso il lavoro di intelletti che filtrano e sintetizzano in tempo reale le notizie per me. É il quotidiano mondiale nel mio account @rosscaneva di cui sono redattrice capo.

Twitter

É Grazie ai following e ai followers del mio account di twitter che quest’estate ho scoperto la terribile notizia del terremoto ad Amatrice prima i quotidiani nazionali ne scrivessero. Al tempo mi trovavo a Saigon,  era l’alba e mi era appena alzata per sfruttare le prime ore fresche della giornata. In Italia era notte fonda, il terribile terremoto aveva già portato morte e devastazione nel centro Italia e nessuno dei quotidiani nazionali di cui seguo gli account ufficiali, ne parlava ancora. Ne parlavano però gli account delle principali emittenti di news Americane e infatti, molti dei miei seguaci americani, già svegli grazie al fuso e preoccupati, mi avevano informato del fatto chiedendo se avevo parenti o amici in zona. É stato decisamente un risveglio terribile, mi sono sentita impotente anche per via della lontananza da casa ma soprattutto mi ha decisamente colpito  l’assenza del tempismo dei media italiani rispetto a questo evento catastrofico. 

Oltre alle news, su Twitter seguo gli account  che divulgano intrattenimento, cultura, spiritualità, moda. Pochi vip e alcuni politici, quelli che mi interessano (in bene e in male, infatti seguo anche TheRealDOnalTrump). Tutto è sempre filtrato in centoquaranta caratteri, centoventi se ci sono allegati e questo è un gran risparmio di tempo e cazzate! (si può dire?). Diciamocelo!

Per una che come me, ama le parole, non i giri di parole, il social dei 140 caratteri è il nirvana. 

Su twitter la logorrea non ha spazio e diciamoci pure questo, chi non ha dimestichezza con la lingua, con le sue sfumature e chi non possiede il meraviglioso dono dell’ironia, twitter non lo ama e di solito, fatica anche a capirlo. 

tweet-it
tweet-it

Ancora, su twitter gli status non sono filtrati dal parametro “amicizia reciproca” come su Facebook. Sono invece governate dalle famose liste (che puoi decidere di fare) di Followers e Following  ovvero chi decido seguire.

C’è però un altro motivo, oltre a quelli elencati, estremamente personale, per cui amo Twitter.

La mia è una sensazione, un istinto, assolutamente non supportato dai dati ma solo da frasi del tipo: Non sono forte su Twitter, uso soprattutto Instagram e Facebook. Ah sì Twitter…no, ci vado poco

Diciamo che tra tutti i social, quello dell’uccellino azzurro è forse il social meno amato dai millennials. Preferiscono YouTube e Instagram che ora grazie alle Instagram stories ha consolidato il suo ruolo. Preferiscono Snapchat e persino Facebook a Twitter, se non fosse le gif e le dirette, sarebbe fatto solo di frasi sintetiche, eventualmente immagini e dirette di Periscope (altro social che non va tra i millennials e ancora meno tra quelli italiani).   

Insomma da non millennial per nascita (ma infondo un po’ per vocazione) e grazie a tutto ciò che ho elencato prima, Twitter è come essere in un posto pieno di gente della mia -vera- età e che parla come parlo io. E questo sì,  pompa la mia serotonina.

Ecco perché ho aperto un’altro profilo: @PixelRoss: un piccolo punto luminoso sullo schermo della vita…la pecora nera da sempre fuori dal gregge!  Mi seguite anche qui? Rispetto a @rosscaneva, anche in questo profilo condividerò la mia quotidianità ma in Italiano!

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo! grazie

Rossella

C’è Posto per 30?
C'è Posto per 30? Rossella Canevari tra i giudici del Tavolo dei Competenti. Segui la nuova puntata ad Iseo di domenica 18 novembre del reality show condotto da Max Giusti su la NOVE!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here